Cara nonna,

Ti scrivo per comunicarti una notizia che a voce non saprei darti. Lo so ti deluderò molto, non te lo saresti mai aspettato, ma sono diventata vegana. Questo vuol dire che il brodo di cappone con i cappelletti non lo mangerò. Tanto meno l’agnello con le patate e l’abbacchio alla cacciatora. Neanche la lasagna potrò mangiare se ci metti il formaggio e il sugo con la carne macinata. Il 25 dicembre, però, vorrei sedermi a tavola con il resto della famiglia e mangiare insieme con voi, non come lo scorso anno, quando ho detto che non avrei mangiato carne e tu e la zia mi avete fatto mangiare il menù che mi prepari quando soffro di mal di stomaco. Sono vegana, ho rinunciato agli alimenti di origine animale, non ho la gastroenterite.

Lo so le tradizioni sono tradizioni, ma potremmo crearne delle nuove, che dici? Potremmo cucinare insieme e inventare ricette nuove, io e te! Che meraviglia!

Per iniziare un aperitivo: mini panini con ortaggi grigliati, oppure con le melanzane sottaceto che prepari tu. Potremmo anche preparare qualche salsina per i crostini, non so, con il pesto di rucola, oppure di zucchine e menta. Poi potremmo infornare delle pizzette con il tuo sugo buonissimo, dei funghetti e il tofu affumicato, vedrai ti piaceranno. Lo so stai già pensando: “E dove lo vendono sto tofu?”. Tranquilla ci penso io!

I formaggi li posso mangiare, ma solo se sono vegan, a base di cereali e frutta secca. Pensa ci potremmo preparare anche degli spiedini.

Il primo è scontato.

Mi prepareresti le tue lasagne? Sono le più buone del mondo. Però la besciamella la prepariamo con il latte di soia e il ragù lo facciamo con le verdure. Se un primo non basta, possiamo anche preparare i ravioli, senza uova, riempiendoli di verdure grigliate o spinaci. E poi i peperoni ripieni di riso li posso mangiare anch’io!

Il secondo potrebbe essere un problema. Tu solitamente fai l’arrosto di agnello, ma io non lo mangerei mai.

Potremmo preparare il Muscolo di grano, magari piccolino, si tratta di un impasto solido di frumento e lenticchie. Dobbiamo cuocerlo a fuoco lento, proprio come il tuo arrosto. Possiamo farcela.

Per contorno potremmo preparare una torta salata, con i miei formaggi vegan, ripiene di verdure e ortaggi, tutte quelle che vuoi. Non sei contenta? Dicevi sempre che non mangiavo abbastanza verdure, ora mangio solo quelle!

Insalate a non finire: con il melograno, l’uva, il mais e le olive nere, oppure arance, finocchi e peperoncino. Le verdure trifolate non possono mancare, ma io preferisco la caponata buona che prepari tu!

Per il panettone stai tranquilla, si trova quello vegano. Il pandoro invece ancora non esiste, lo so, tu lo preferisci e non ti vieto di mangiarlo! Per il cioccolato e la frutta secca non c’è problema e non c’è mai stato!

Per le birre, il vino e il liquore potrebbe esserci qualche grattacapo, ma basta controllare sull’etichetta da dove vengono e come sono prodotti.

In fin dei conti non è così male, poteva andare peggio. Pensa se fossi stata celiaca, niente lasagne! Quello si che sarebbe stato un dramma!

Ti voglio bene nonna

Buon Natale!